Il giardino paesaggistico

I Buxus sempervirens storici del parco

Pubblicato il

I  Buxus  sempervirens  storici  nel  parco.

Tra i più interessanti d’Abruzzo per dimensioni

e per valore storico-culturale

 

Particolare dei buxus – foto  Colazilli

All’interno del Parco dei Ligustri sono conservati due superbi esemplari arborei di Buxus sempervirens, una rarità botanica viste le considerevoli dimensioni degli alberi.  La circonferenza dei tronchi supera i 46 cm con un’altezza di oltre 4 metri.  Secondo fonti orali anticamente in questo giardino anticamente esisteva un  bosco di Buxus dall’alto valore storico e ornamentale. Al momento non sono state trovate fotografie d’epoca che possano dimostrare questa fonte.

 

Particolare dei buxus – foto  Colazilli

 

Il Bosso è una pianta che ha una crescita lentissima e impiega decenni se non secoli per diventare un grande albero. Lo si ritrova già di notevoli dimensioni solo negli antichi giardini storici. Generalmente è utilizzato come siepe per ornare giardini geometrici. La caratteristica principale del Bosso è il suo prezioso legno, molto duro e resistente, che viene utilizzato per lavori di pregio come sculture, intarsi e la realizzazione di scacchi.  Nel nostro caso  questi due alberi, lasciati crescere liberamente, sono diventati un simbolo storico-culturale del paesaggio loretese, un punto di ritrovo indispensabile per  le lezioni di educazione ambientale con le scuole,  gli eventi e le visite guidate con turisti e appassionati.

Nel 1999, durante i lavori di restauro e pulizia del giardino, questi esemplari  furono subito tutelati e conservati, liberati da una coltre di rovi e vitalba.  Successivamente, ci interessammo al recupero dell’area, restaurando totalmente gli alberi con minuziosi interventi di rimonda del secco e miglioramento del terreno.

 

Particolare di uno dei Buxus – Foto Colazilli

 

Nel corso dei 15 anni di restauro del giardino, i Buxus sono stati tutelati e curati intervenendo soltanto con minime potature di eliminazione del secco.  Attualmente sono in ottimo stato di salute e  hanno superato alla grande vari attacchi della famegerata  Piralide del Bosso.

 

Particolare  di uno dei Buxus storici – Foto Colazilli