Parco botanico di Loreto Aprutino. Iniziati i lavori su un ettaro di terreno.

Al via i lavori di miglioramento della terrazza su Loreto Aprutino, un terreno di olivi e di splendide vedute sul borgo

 

Loreto Aprutino (PE). Probabilmente è uno dei siti paesaggistici più affascinanti dell’area vestina, un terreno panoramico che guarda totalmente sul borgo antico di Loreto e sui paesaggi circostanti. Un sito di grande valore per la sua posizione e per i suoi bellissimi olivi dalle forme contorte. Una terrazza naturalistica sul paesaggio loretese. Per anni per questo terreno è rimasto nel suo anonimato senza mai essere valorizzato e sistemato per la fruizione. Il primo lotto si estende su circa un ettaro, proprio a ridosso della Fonte Grande, con pendenze non particolarmente felici ma ricco di suggestioni. Il secondo lotto di un ettaro, si trova sulla collina, al di sopra della strada ed è caratterizzato da una bellissima veduta paesaggistica su Loreto e dintorni. Si tratta comunque di un terreno particolarmente impervio e coltivato a oliveto, accessibile dalla Via Pretara e che necessita di sentieristica per poter essere visitato senza problemi. 

Finalmente il Parco botanico loretese, che ha il suo cuore nel Giardino dei Ligustri, comincia ad allargarsi su questo sito panoramico. I lavori vengono svolti in collaborazione con lo staff del CEA di interesse regionale che ha la sua sede nel vicino giardino. Il progetto è particolarmente ambizioso e mira a trasformare questo terreno in un vero e proprio giardino con terrazze di contemplazione sul borgo loretese e paesaggio circostante, sentieristica, giardini mediterranei, realizzazione di un bosco  di alberi autoctoni  e valorizzazione di un oliveto in cui ci sono alberi secolari dalle forme straordinarie e contorte. Il tutto sarà collegato con la fontana grande e il centro storico. Proprio da questo terreno si scende direttamente su Via Pretara e su Porta Palamolla e si può salire alla chiesa di Santa Maria in Piano, monumento nazionale. Fondamentale l’aspetto didattico di questo progetto: qui le scuole potranno studiare le dinamiche del paesaggio, la sua evoluzione nel tempo, oltre a conoscere le peculiarità degli ulivi e il valore storico-culturale della campagna vestina. 

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20190310_100522-1024x576.jpg

Uno dei terrazzi panoramici su Loreto

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20190310_103548-1024x576.jpg

Lavori sulla sentieristica con terrazzi panoramici

 

Il progetto prevede la messa a dimora di alberi autoctoni, siepi naturalistiche, sistemazione di terrazze panoramiche su Loreto e creazione di un nuovo giardino botanico di specie mediterranee e aromatiche.” spiega il curatore del parco Alberto Colazilli, “Questo sito paesaggistico sarà poi adibito a aree attrezzate per eventi, per la didattica e progetti di educazione ambientale, per la contemplazione e la sosta immersi nella natura e in una scenografia spettacolare.” 

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20190310_101053-1024x576.jpg

Area del giardino paesaggistico degli ulivi che sarà migliorato con sentieristica e specie mediterranee

 

Durante i lavori di sistemazione vengono recuperati e valorizzati diversi  olivi storici che erano completamente ricoperti di edera e rovi e che rischiavano di morire. “Il recupero di molti alberi divorati dall’edera e dai rovi è la nostra priorità. Si tratta di esemplari di pregio e caratterizzanti il nostro paesaggio e la nostra storia.” spiega ancora Colazilli “Attraverso questo minuzioso recupero dei particolari naturalistici e botanici vogliamo anche ripristinare e valorizzare alcune cartoline loretesi di grande bellezza“, Purtroppo le infestanti hanno compromesso  alcuni esemplari ed è stato necessario un intervento di potatura e ricostruzione della chioma degli alberi.

Il sito paesaggistico ha anche una sorgente che sarà valorizzata all’interno del progetto di riqualificazione.La sorgente recuperata nel terreno sarà utilizzata per creare un piccolo habitat acquatico“, conclude Colazilli, “con vegetazione igrofila, per migliorare la veduta paesaggistica e incrementare la biodiversità“. 

Staff del Parco dei Ligustri – Giardino Botanico e CEA di interesse regionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *